Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘canzone del giorno’

A chi non è mai capitato di uscire dal parrucchiere pensando “Ma cos’è ‘sto topo morto che ho in testa?” Il tema viene affrontato, in tutta la sua drammaticità, nella canzone dei Die Ärzte “Mein Baby war beim Frisör” (“La mia ragazza è andata dal parrucchiere”), secondo singolo tratto dal concept album del 1996 “Le Frisur”, interamente dedicato all’argomento capelli.

Il brano narra la vicenda dal punto di vista del fidanzato della sventurata, il quale, vedendola tornare con un’acconciatura discutibile, non la prende molto bene. Il video, girato in un hotel nei pressi di Las Vegas, è un tripudio di cofane fonatissime e colori acidi anni ’90 e le fanciulle che vi compaiono non fanno una bella fine.

(altro…)

Annunci

Read Full Post »

Che la musica pop fosse un ottimo mezzo per migliorare la conoscenza di una lingua straniera lo avevo capito in tempi non sospetti (devo ringraziare il simpatico trio berlinese Die Ärzte se il mio tedesco non è ancora morto). A quanto pare, però, non l’ho capito solo io: qualche tempo fa la sezione francese del Goethe Institut ha usato la canzone “Guten Tag” dei Wir sind Helden come base per esercizi, con tanto di suggerimenti agli insegnanti sulle attività da fare in classe (commentare ritagli di riviste, discussioni sui temi trattati nella canzone ecc.)

Il testo completo si trova al punto 4 del Lehrerblätter ed è incentrato sul linguaggio della pubblicità. Il video è molto simpatico, in stile fotoromanzo Cioè:

Non so quali siano stati i risultati, ma il fattore Ohrwurm è abbastanza alto: male che vada gli studenti sapranno almeno dire “Buongiorno”.

Read Full Post »

Ho perso il treno del Mondiale. Nell’estate dominata dal trionfo della nazionale tedesca in Brasile, ho messo il blog in cantina, sorvolando su chicche del calibro dello sketch “cocktail contro birra” e ignorando opere d’arte di sublime bellezza come il fotomontaggio di Angela Merkel in versione ballerina di samba. Potrei mettermi d’impegno e impormi di essere più attiva, di pubblicare qualcosa a intervalli più regolari, ma mi conosco e so già che non funzionerebbe.

Per il momento mi limiterò a condividere l’Ohrwurm del momento, non solo mio a quanto pare, visto che anche il Corriere della Sera di ieri ha dedicato una pagina a questa canzone: “Prayer in C” di Lilly Wood & The Prick, che nella versione remixata da Robin Schulz è diventata un vero e proprio tormentone di fine estate. Ovviamente non potevo non notare il video, girato per le strade di Kreuzberg, il quartiere alternativo di Berlino. Ogni volta che lo guardo mi scende una lacrimuccia…

Read Full Post »

Quando la nostalgia di Berlino mi assale all’improvviso, c’è una canzone che mi risolleva sempre il morale: “Dickes B” dei Seeed, band reggae/dancehall berlinese. Nel testo si trovano molti riferimenti a Berlino e ai suoi club e il video è girato in vari luoghi della città, da Alexanderplatz al mercato sulla Maybachufer, dal Berliner Dom a Potsdamer Platz.

 

 

Avevo pensato di tradurre il testo, ma vista la lunghezza ho cambiato idea…

(altro…)

Read Full Post »

Devo ringraziare (si fa per dire) un’amica tedesca per l’Ohrwurm che mi ha assillato negli ultimi giorni: “Die Tasche”, di tal Christina Volmari. Mi pare di capire che la bionda fanciulla abbia partecipato alla trasmissione “Shopping Queen” e si sia poi data alla musica pop. Con una canzone che potrebbe diventare l’inno delle malate di shopping tedesche, almeno a giudicare dal ritornello: “Jede Frau braucht eine schöne Tasche” (“A ogni donna serve una bella borsa”).

Cliccate a vostro rischio e pericolo, il motivetto è di quelli che si piazzano in testa e non se ne vanno più.

Read Full Post »

Potrei scrivere un post sulle imminenti elezioni politiche in Germania. Oppure su quelle locali che si sono svolte ieri in Baviera (anche se credo che in questo periodo gli italiani siano più interessati all’Oktoberfest che all’esito elettorale).

Ma preferisco argomenti più frivoli, quindi parlerò di musica. E visto che la musica per me è stata uno stimolo fondamentale per approfondire  lo studio del tedesco, ho deciso di inaugurare la rubrica della “Canzone del giorno”, sperando possa essere utile a qualcuno.

L’onore del primo post, naturalmente, va al mio gruppo preferito, Die Ärzte, e alla loro canzone forse più famosa, quella che li ha trasformati da gruppo di culto underground a fenomeno da classifica: “Männer sind Schweine”, ossia “Gli uomini sono maiali”. Si tratta di una canzone talmente famosa che il simpatico trio, stufo di sentirla ovunque (è stata una delle hit del 1998) ha deciso di non suonarla più da vivo dopo i tour del 1998 e 1999.

Il video vede i tre mattacchioni berlinesi alle prese con nientepopodimenoche Lara Croft (e non fanno una bella fine) e il testo, come si intuisce dal titolo, è una sottile analisi del modo tipicamente maschile di rapportarsi col gentil sesso.

Ma bando alle ciance e sotto con la musica.

 

(altro…)

Read Full Post »